Benvenuti nel sito del "Gruppo 2003"

Il Gruppo 2003 si è costituito nell'estate del 2003 raggruppando quegli scienziati italiani che lavorano in Italia e figurano negli elenchi dei ricercatori più citati al mondo nella letteratura scientifica, elenchi compilati per le diverse discipline dall'Institute for Scientific Information (ISI) di Philadelphia. Da allora il Gruppo 2003 è andato ampliandosi offrendo la possibilità di aderire a coloro che man mano venivano segnalati nei periodici aggiornamenti degli elenchi ISI. Siamo accomunati da questa appartenenza, senza necessariamente condividere specifici interessi scientifici o culturali, né tanto meno ideologie politiche o religiose. Il secondo elemento che ci unisce è costituito da una profonda insoddisfazione e preoccupazione per lo stato della ricerca scientifica in Italia, in quanto elemento essenziale del suo progresso intellettuale, materiale e civile. Rivolgiamo quindi le nostre considerazioni ai responsabili del potere politico, presenti e futuri, all'industria ed al mondo della scienza e della ricerca nel suo complesso, ritenendo che su questi temi di interesse strategico sia possibile ed auspicabile un accordo trasversale fra tutte le parti interessate. E' per questo che il Gruppo 2003 ha scritto, come sua prima espressione pubblica, un Manifesto, al quale è possibile aderire cliccando qui.

Conte bis si impegna sull'Agenzia nazionale per la ricerca. Il commento del Gruppo 2003

9 settembre 2019. Il premier Giuseppe Conte nel discorso di oggi alla Camera si impegna sulla Agenzia Nazionale per la Ricerca. Vedremo come la intenderanno, ma sicuramente il Gruppo 2003 per la ricerca non può che compiacersi che la propria proposta abbia fatto breccia, e vigilerà perché vengano rispettati criteri di indipendenza, trasparenza e competenza. Guai se, invece di dare un indirizzo agli investimenti nella ricerca per garantire merito e giustizia, diventasse un inutile doppione del ministero.

Creiamo un ministero dedicato a Università e ricerca, com'era in passato

2 settembre 2019 - A chi in questi giorni sta cercando di varare un nuovo governo “di cambiamento”, il Gruppo 2003 per la ricerca ricorda che è necessaria una svolta sulla ricerca scientifica, che andrebbe considerata elemento essenziale per lo sviluppo culturale, civile ed economico del Paese.

Le istituzioni difendano dignità e incolumità dei ricercatori dalle minacce degli animalisti

24 agosto 2019 - Il Gruppo 2003 per la ricerca esprime la sua solidarietà ai ricercatori Marco Tamietto, Luca Bonini e agli altri colleghi periodicamente minacciati dagli animalisti per sperimentazioni del tutto legittime e cruciali, come il progetto Lightup, finanziato dall’European Research Council. Il Gruppo 2003 ribadisce la necessità di ricorrere ove utile alla sperimentazione animale, penalizzata in ogni modo in Italia sia per la modalità in cui è stata recepita la direttiva europea 63/2010, sia per il carico di burocrazia e gabelle tese a scoraggiarla.

Sempre meno risorse per la ricerca in Italia, ma aumentano le tariffe e la burocrazia per chi conduce sperimentazioni su modelli animali

29 luglio 2019 - Il 25 luglio è stato pubblicato il decreto 27 marzo 2019 n. 173 che stabilisce le tariffe per il rilascio di autorizzazioni per la sperimentazione animale. Le tariffe, in realtà riguardano anche qualsiasi modifica e valutazione dei progetti di ricerca.

Il Gruppo 2003 fra le prime firme dell'appello ScienzaInParlamento

8 apr 2019 - Un gruppo di giovani ricercatori ha lanciato l'appello #ScienzaInParlamento - La Scienza al servizio della Democrazia per chiedere che anche il Parlamento italiano si doti di un ufficio di consulenza scientifica e tecnologica. L'idea è quella di una struttura che funzioni da intermediaria tra gli esperti e i politici, per offrire informazioni esaustive, indipendenti e funzionali all'attività legislativa riguardo ai numerosi temi di politica pubblica che hanno un contenuto scientifico e tecnologico.

Il Convegno 2019 del gruppo 2003 dedicato a ricerca, sostenibilità e sicurezza

8 apr 2019 - La conferenza 2019 del Gruppo 2003 che si è tenuta il 20 marzo all’Accademia dei Lincei (vai al programma) ha toccato un tema cruciale: la sicurezza dei cittadini. Ma ha avuto l’ambizione di trattarlo non emotivamente ma razionalmente, attraverso la presentazione di un Libro Bianco sul tema.

Lettera aperta del Gruppo 2003 sul convegno di agricoltura biodinamica

12 nov 2018 - Il Gruppo 2003 per la ricerca scientifica ha appreso con sconcerto del Convegno che il Politecnico di Milano ha organizzato in collaborazione con l’Associazione per l’agricoltura biodinamica, previsto per il 16-17 novembre.

Ministro Bussetti, ecco cos’è per noi l’Agenzia nazionale per la ricerca

3 ott 2018 - La stampa riporta l’intenzione del governo di istituire una Agenzia nazionale della ricerca, di cui non si conoscono ancora finalità e compiti. Se si sta alle poche righe dedicate al tema sul contratto di governo, sembra emergere un super-ente che raccordi gli altri enti di ricerca, cosa ben diversa dalla realtà delle Agenzie di ricerca attive ormai in tutti i paesi sviluppati e da quanto proposto anni fa dal Gruppo 2003. E’ importante quindi ricordare, come abbiamo scritto al Ministro, i tratti salienti di una agenzia di questo genere che possa davvero aiutare lo sviluppo della ricerca in Italia allineandola alle altre esperienze note nel mondo.

Comunicato stampa Gruppo 2003 su dimissioni di Stefano Vella

28 ago 2018 - Come Gruppo 2003 per la Ricerca Scientifica, che unisce studiosi di diverse discipline, vogliamo far avere a Stefano Vella la nostra solidarietà per le sue dimissioni dalla presidenza dell'AIFA.

Vella ha così giustificato le proprie dimissioni: "Non mi è possibile tollerare come medico, di presiedere un ente di salute pubblica in questo momento in cui persone vengono trattate in questo modo sul nostro territorio, dove esiste un sistema universalistico di garanzia della salute".

La voce del Gruppo 2003 rivolta alla comunità scientifica, al pubblico e al mondo della scuola e dell'università è il giornale elettronico http://www.scienzainrete.it

Condividi contenuti